Ciao continuano le interviste agli italiani che vivono e lavorano qui sull’isola di Malta nel mar mediterraneo e, oggi abbiamo il piacere di poter leggere la bella e interessante intervista di Grazia…ma vediamo cosa ha da dirci di bello…

 

  1. RACCONTAMI CHI SEI COSA FAI DI LAVORO E DA QUANTO TEMPO VIVI QUI A MALTA

 

Mi chiamo Grazia Prigionieri, sono traduttrice e interprete dall’inglese e dal tedesco. Abito a Malta da inizio maggio 2018. Ho vissuto nel quartiere di Had-Dingli per 5 mesi. Da inizio ottobre abito a Valletta, la capitale dell’isola.

 

  1. RACCONTAMI DA CHE COSA E’ NATO IL DESIDERIO DI VENIRE A VIVERE A MALTA?

 

Il desiderio di trasferirmi a Malta è arrivato in un momento della mia vita in cui avevo bisogno di un cambiamento radicale. Svolgevo già l’attività di traduttrice in Italia prima di partire, ma per ragioni burocratiche e fiscali avevo necessità di aprire la partita IVA. Ho letto per caso di Malta descritta come un paradiso fiscale per gli imprenditori e ho deciso così di unire l’utile al dilettevole e trasferirmi sull’isola per aprire la partita IVA, dando finalmente un’identità alla mia attività.

 

  1. IN CHE MODO TI SEI ORGANIZZATA NEL FARE IL TRASLOCO INTERNAZIONALE DALL’ITALIA A MALTA?

 

Ho organizzato lo spostamento fisico programmandolo per circa 2 mesi. Ho iniziato dalle piccole cose, dal cambio armadio all’eliminazione di capi che non usavo più, dall’informarmi sulle differenze climatiche a preparare l’attrezzatura per lavorare.

Il tutto calcolato minuziosamente in modo da portare con me solo ciò che era strettamente necessario, insieme a un enorme spirito d’adattamento e un atteggiamento fiducioso e positivo. Mi è bastato imbarcare un bagaglio grande da 20 kg, un bagaglio a mano da 8 kg e la borsa del computer.

 

  1. PERCHE’ HAI SCELTO PROPRIO MALTA?

 

Ho scelto Malta molto ad istinto a dir la verità. Mi è sembrato fin da subito il posto ideale per la mia attività e i miei interessi. Non l’avevo mai visitata prima, per cui sono partita ad occhi chiusi con un sacco di speranza e qualche sogno nel cassetto.

 

  1. RIGUARDO ALLE TASSE BASSE COSA MI DICI?

 

Le tasse, come in Italia, dipendono dal proprio livello di reddito. Mettersi in proprio a Malta comporta ovviamente anche il pagamento dei contributi, per cui il tutto a livello fiscale va valutato attentamente prima di aprire partita IVA sull’isola. Anche in Italia esistono ad oggi dei regimi fiscali agevolati. Ho scelto Malta per tutto ciò che offre, al di là di un sistema fiscale per il quale l’aliquota delle tasse è un po’ più bassa rispetto a quella italiana. Trovo ottimo il sistema burocratico, che ti consente di accedere direttamente online a modulistica e procedure. Il sistema è anche abbastanza rapido, a differenza dell’Italia. I profitti maggiori a fronte di tasse più basse si ottengono per volumi di reddito altrettanto maggiori, per cui aprire una società LTD può essere decisamente più conveniente rispetto all’Italia.

 

  1. CHE BENEFICI E CHE QUALITA’ DELLA VITA HAI TROVATO QUI A MALTA RISPETTO ALL’ITALIA?

 

Quello che l’isola è in grado di offrirti in realtà dipende molto dalle tue capacità, dalle esperienze lavorative precedenti e dalle tue aspettative. Personalmente, Malta è un posto che mi consente di lavorare in tranquillità, di avere tantissimi svaghi e interessi e soprattutto di avere il mare sotto casa a distanza di 200 metri. Al contempo, regolandomi con le spese, riesco a essere indipendente. I prodotti locali sono ottimi, in particolare frutta e verdura, e mi consentono di sperimentare diverse ricette che mi ricordano la mia regione d’origine, la Puglia. Svolgo un lavoro digitale,per cui per me è importante anche il livello di sviluppo tecnologico locale. Sull’isola c’è la fibra per Internet e, in caso di guasti, il tutto è sempre segnalato dall’azienda provider al cliente e c’è un buon servizio di assistenza clienti. Per il resto trovo che sull’isola si possa scegliere di avere lo stile di vita più adatto alla propria personalità. Ci sono diversi generi musicali, cucine internazionali e anche delle ottime pizzerie italiane. Ambientarsi non è difficile, anche se credo che lo scoglio più duro da superare sia il caro affitti, che continua ad aumentare di pari passo con lo sviluppo dell’economia locale. Non è da sottovalutare il problema della sicurezza personale, soprattutto per le donne, anche se le forze dell’ordine sono molto disponibili e aperte nei confronti delle donne stesse.

 

  1. CHE CONSIGLI DARESTI A CHI VORREBBE VENIRE QUI A MALTA MA HA PAURA DEL CAMBIAMENTO?

 

A chi desidera trasferirsi a Malta ma non ha il coraggio, consiglio vivamente di valutare in primis non le condizioni di vita sull’isola, bensì la propria motivazione e attitudine al cambiamento e all’adattamento. Trasferirsi perché si ha la sensazione che questo posto possa essere l’ultima spiaggia automaticamente predispone al fallimento e all’insoddisfazione, e questo vale per qualsiasi trasferimento. Sicuramente la situazione di partenza è più complicata per chi intende trasferirsi con bambini al seguito, mentre è più semplice dal mio punto di vista partire in coppia, che sia con un buon amico o con il proprio partner. Io mi sono trasferita da sola sulla base di aspettative e stime realistiche. Inutile dire che senza avere un po’ di soldi da parte all’inizio ci si può trovare allo sbaraglio. Un buon livello di inglese aiuta certamente nella vita quotidiana, almeno un livello B1. Questo vale sul lavoro, per la gestione della casa e della spesa e per la comprensione dei contratti di locazione, sui quali spesso i proprietari locali non sono del tutto trasparenti.

 

  1. E’ DIFFICILE TROVARE LAVORO A MALTA?

Personalmente mi sono trasferita sull’isola avendo già un’attività in proprio. Il lavoro c’è soprattutto nella ristorazione, nel settore immobiliare e in quello dell’ospitalità. Ma va detto che gli stipendi medi si aggirano, anche in alta stagione, intorno ai 1100 euro, per cui tale soglia va poi messa a confronto con il prezzo degli affitti.

 

  1. RIGUARDO ALLA SANITA’ COME TROVI IL SERVIZIO SANITARIO?

 

Non ho ancora avuto a che fare direttamente con il sistema sanitario maltese. Sicuramente è importante richiedere il Social Security Number (codice fiscale) non appena arrivati sull’isola. Posso dire, in base alla mia esperienza, che i farmacisti sono abbastanza preparati e prima di vendere farmaci e parafarmaci danno indicazioni di dosaggio e applicazione. So che, purtroppo, la lista d’attesa per le visite specialistiche è abbastanza lunga come in Italia.

 

  1. CONSIGLI A CHIUNQUE DI VENIRE QUI A PERFEZIONARE O IMPARARE L’INGLESE?

 

Ci sono diverse scuole di lingue valide sull’isola, tra cui EF e IELS, con insegnanti madrelingua. Le stesse scuole organizzano eventi per gli studenti, per migliorare la comunicazione e condividere del tempo insieme. Da ex insegnante privata di inglese e tedesco, trovo però che l’insegnamento scolastico di questo tipo in ogni caso non basti: consiglierei a chiunque voglia imparare l’inglese in modo serio e rapido, di vivere in un Paese madrelingua per imparare a usare la lingua di apprendimento anche nella vita di tutti i giorni.

 

  1. SEI CONTENTA DI ESSERE QUI A MALTA?

 

Dopo alcune difficoltà iniziali, posso ora dire che si, sono contenta di essere a Malta. Ho raggiunto qui quel livello di consapevolezza di me stessa e delle mie capacità che desideravo da tanto. Valletta è un posto che ogni giorno mi dà lo stimolo ad andare avanti, a scoprire nuovi posti e a coltivare nuove passioni. È un luogo che mi consente anche di lavorare, di mantenermi e di essere abbastanza libera. Mi consente di provare il massimo delle emozioni: soddisfazione, orgoglio di me stessa, gioia e voglia di vivere.

 

Ed ecco qui la bella e interessante intervista che Grazia mi ha gentilmente rilasciato poco prima di Natale.

Per poter commentare quello che hai letto scrivilo sotto questo articolo, metti un bel like sulla pagina facebook e iscriviti alla mia newsletter per restare sempre aggiornato sulle novità di Malta :-).

Ciao grazie

Chiara Talin

www.maltaforever.com

Condividi su:
4 commenti
    • Chiara Talin
      Chiara Talin dice:

      ciao Marco grazie mille per aver letto e commentato l’intervista. Vivi anche tu a Malta? se si…così posso intervistare anche te 🙂
      fammi sapere e continua a seguirmi…
      a proposito ti sei scaricato i 2 estratti gratis su Malta? metti anche un bel like sulla pagina facebook
      ciao grazie e buone feste
      Chiara Talin

      https://www.maltaforever.com

      Rispondi
    • Chiara Talin
      Chiara Talin dice:

      ciao Cristiano mi fa piacere vedere il tuo commento e sono contenta che ti piacciono 🙂 continua a seguirmi e se non ti sei iscritto alla mia news letter ti consiglio di farlo subito…a proposito ti sei già scaricato i miei 2 estratti di Malta? viva Malta…

      grazie mille
      buone feste

      ciao alla prossima
      Chiara Talin

      https://www.maltaforever.com

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *